Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it
                           comune         uisp
Domenica 17 maggio Costanzana
prima edizione di “An gir an t’la basa”

Domenica 17 maggio Costanzana ha tenuto a battesimo la prima edizione di “An gir an t’la basa”, manifestazione di corsa su strada competitiva Fidal e non competitiva aperta a tutti di circa 10 chilometri. La kermesse podistica, fortemente voluta dal sindaco Raffaella Opezzo (Runner dell’Atletica Vercelli 78’ e vincitrice della categoria SF35/40) con il suo staff di collaboratori, si è avvalsa nell’organizzazione della società A.S.D. Atletica Vercelli 78’, della Polisportiva Costanzana, Famija Custansaneijsa, Pro loco, unitamente al patrocinio del Comune. La gara ha fatto registrare la presenza di oltre un centinaio di partecipanti, tutti visibilmente soddisfatti per la cura con cui è stato organizzato l’evento. A fine gara sono stati premiati i primi cinque assoluti maschili e femminili (cesto gastronomico) e i primi tre classificati delle categorie M/F S35/44, S45/54, S55/64, S65/74, S75 e oltre con premi vari. Il percorso si è snodato su un tracciato misto tra asfalto e sterrato, ma comunque molto veloce per le performance degli atleti in gara, basti pensare che il primo podista giunto al traguardo, Alessandro Pisani dell’Atletica Candelo, ha ultimato la sua fatica in 37’52”, seguito da Emanuele Ladetto (Alfieri Asti), Luigi Cabrino (San Front) e dai vercellesi dell’Atletica Vercelli 78’ Claudio Osella e Davide Brunetti. In campo femminile il successo è andato a Sonia Destro (Zegna Trivero), seguita da Mariella Cerutti Sola (Atl. Stronese), Simona Banfo (Atl. Candelo), Paola Birolo (Olimpia Runner) e Caterina Mocci (Trinese). Nell’evento di Costantana rientrava anche un’iniziativa importante a livello benefico: la raccolta e selezione di scarpe da running usate e dismesse che per l’atleta non hanno più utilità, ma che possono essere riutilizzate in Africa per le popolazioni povere, specie per quei bambini che potrebbero usufruirne per correre. Lo staff di “Purosangue Athletics Clubs”, grazie all’iniziativa “Shoes Sharing”, si occuperà della raccolta delle scarpe (davvero tante) raccolte nel corso della gara di Costanzana per l’invio alle varie destinazioni, grazie anche al supporto di Ethiopian Airlines, partner dell’iniziativa. Un progetto che ha già fatto registrare un grande successo a Roma e a Lucca in occasione di altrettante maratone. “Con questa iniziativa desideriamo ringraziare la società Atletica Vercelli 78’ per averci concesso la possibilità di estendere questo progetto anche nella zona del vercellese – hanno dichiarato i responsabili di “Damusafi” che in lingua swahili significa appunto “Purosangue” - la nostra iniziativa ha già preso piede con successo a Roma e stiamo cercando di allargare l’attività al resto del paese, come è avvenuto anche in occasione della Mezza Maratona di Lucca dello scorso 3 maggio. I primi 1200 paia di scarpe da running usate, che abbiamo raccolto in occasione di un FlashMob organizzato lo scorso 3 luglio a Roma, sono partiti per il Mozambico due giorni dopo la loro raccolta e sono state subito consegnate ai primi bambini. Altre scarpe sono state spedite in Kenya nel mese di agosto ed altre ancora sono state spedite lo scorso novembre, anche grazie al supporto di Ethiopian Airlines, nostro partner. Inoltre, dato che vogliamo che questo progetto sia un progetto a costo zero per tutti (noi che lo organizziamo e chi contribuisce), ci siamo sempre attivati per cercare di recuperare noi le scarpe in tutta Italia, attraverso una staffetta di amici e conoscenti in grado di avvicinare le scarpe raccolte presso le nostre sedi, Roma e Montepulciano”. Soddisfazione è stata espressa anche dal presidente dell’Atletica Vercelli 78’ Piero Volpiano, che ha potuto appurare di persona la grande mole di scarpe introdotte nell’apposito contenitore a fianco del gonfiabile dell’Errea, gentilmente messo a disposizione per la corsa. Insomma: una prima edizione d’ “An gir n’la basa” pienamente riuscita soprattutto grazie all’apporto del Comune di Costantana, della Pro Loco (per ristori e rifornimenti), Famija Custansaneijsa (per la panissa da tutti apprezzata), dall’Atletica Vercelli 78’ fino ai Carabinieri, ai Vigili Urbani (Coser), ad Antonio Opezzo (instancabile organizzatore) e a tutti i volontari, giornalisti e giudici di gara.