Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it
                           comune         uisp
Gara Chatillon 07 Luglio 2013

Se ne parlava da 3 anni e finalmente il gruppo podistico Cattaneo di Borgo Vercelli ha preso parte domenica 7 luglio alla gara podistica la Balconata del Monte Zerbion a Chatillon . Alla trasferta valdostana hanno preso parte più di 20 atleti , quasi tutti i componenti del gruppo . La manifestazione prevedeva la possibilità di cimentarsi su diversi percorsi 6-12-14-20 e 42 km e la maggior parte dei podisti del Cattaneo ha optato per il percorso più breve , pochi temerari per quelli da 12 e20 km. Il percorso dei 20 km tra l’ altro si snodava in parte sul tracciato dei 6-12 e 14 km , per cui la sua descrizione è utile a ricordare anche gli altri . “Subito alla partenza il percorso si avvia pianeggiante verso Chatillon per i 6 ed i 12 km , verso il fondo valle per i 20 km convivendo con il corso dell'autostrada ed il greto della Dora Baltea... l'attraversamento del borgo di Tous...e Saint Vincent li' sull'alto a meritarsi continue alternanze panoramiche... uno splendido “percorso turistico attrezzato” a condurci verso la “strettoia” della Dora. “Cambio di sponda” del corso d'acqua sul Ponte delle Capre, ardita passerella realizzata nei pressi dell'orrido, piccola ed audace a rubare spazio ed attenzione alla natura con le sue impervie pareti a guidare l'acqua vorticosa ed all'opera dell'uomo con i suoi arditi viadotti e gallerie... Salita su sentieri in alternanza di boschi e prati per sbucare quindi a Cretaz e trovare il “ristoro della Daniela”... poi il Castello di Ussel, edificato nel 1300 ,la sua tozza mole eretta sulla verticale della vallata... i suoi percorsi panoramici guidati a proporci una “balconata alternativa” dalla prospettiva sud... il Barbeston alle spalle... lo Zerbion di fronte... Un tratto in mulattiera per riportarci a riattraversare la Dora e proseguire verso la parte bassa di Chatillon con tutti i suoi scorci panoramici... l'arcata del ponte romano e la sovrapposizione dei ponti piu' recenti... la “gola” del Marmore che solca l'abitato... la cappella della Madonna delle Grazie... Ritroviamo quindi il percorso di km 12 nei pressi della chiesa parrocchiale... sentiero montano verso Conoz... risalita parallela al corso del torrente Marmore... le sue rapide... i suoi ponti ad arcata unica... Un sentiero tra i prati ci porta ad una ripida “rampa” di mulattiera che sbuca tra un pugno di case in pietra... è Brusoncles de Janin che ci propone il mitico “ristoro della Mara”... Qualche passo e troviamo un vero “gioiello” della natura: le cascate del torrente Promiod... il lungo ripetersi delle cadute d'acqua fin lassu' dall'alto... le rocce erose dal millenario scorrere della corrente... la “vasca” di caduta li vicino al nostro passaggio quasi ad invogliarci ad un bel bagno... Siamo nella parte piu' “alta” del percorso in un leggero saliscendi su strade ombrose con lo sguardo verso il basso a cogliere laggiu' il greto del torrente Marmore e la strada che si inoltra verso il Cervino... Quasi senza accorgersi ci troviamo alla separazione dei percorsi e imbocchiamo la mulattiera in discesa che ci riporta il percorso dei Km 6... alla “balconata” ed ai suoi panorami... Chatillon li sotto... il Barbeston di fronte... lo Zerbion alle spalle... Quindi l'attraversamento delle borgate e la discesa finale su sentiero tra i pascoli... “ La gara, in modo particolare per chi ha percorso i 20 km, ha generato fortissime sensazioni positive che hanno annullato gli sforzi e la stanchezza di una giornata sicuramente impegnativa . I prati , le cascate , i profumi , le mandrie al pascolo , le vette hanno alleggerito i piedi stanchi ed hanno reso così piacevole il correre da avere la sensazione di volare, perché la corsa non è mai sofferenza ma allegria perché la corsa trasforma ogni fatica in gioia, e ogni sofferenza in impagabile appagamento.
"Gabriele"

Torna alle news