Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it
                           comune         uisp
Iniziata la stagione podistica a Casale Monferrato per il gruppo


“……. Donami pure sobrio fardello , come si addice a chi corre, ma concedimi di vivere ogni giorno l’ infinita bellezza di quanto ci circonda. Concedimi infine , che al termina di questa inebriante corsa che si chiama vita , possa io serenamente cedere il testimone ad altri più giovani , lieti di proseguire l’ interrotto mio canto della Tua gloria e così sia. “ Al termine della lettura di queste parole , costituenti l’ ultima parte della preghiera del podista , recitata davanti ai podisti schierati sulla linea di partenza ,alle 9,15 veniva dato il via alla gara 30 ° Trofeo AVIS di Casale Monferrato . La manifestazione ,oltre ad essere un momento di festa dovuto ai trenta anni di attività del gruppo podistico AVIS di Casale Monferrato ha voluto ricordare il presidente Giuseppe Malavasi , mancato da poco più di un anno e le vittime dell’ amianto di questa città. Questa gara ha segnato anche l’ inizio del 38° anno di attività per il gruppo podistico G. Cattaneo di Borgo Vercelli intervenuto con quasi tutta la squadra al completo e con due nuovi iscritti Siviero Cristiano di Vicolungo e Massimo Padovan di San Nazzaro Sesia. E’ orami una consuetudine per i podisti borghini iniziare la nuova stagione sportiva alla prima domenica di marzo e terminarla all’ ultima domenica di novembre , dopo avere disputato tra diurne e notturne oltre 50 gare . Ma torniamo ora alla corsa , identica per tracciato come nelle precedenti edizioni. La prima parte del percorso , circa 1 km è stata molto scorrevole, in città ed in piano , mentre dopo avere superato la rotonda in prossimità dell’ ospedale , ha avuto inizio una dolce salita. Verso il secondo chilometro , i meno allenati hanno avuto la possibilità di optare per il percorso più pianeggiante e ridotto a 7 km . La gara competitiva , portata a termine da 173 atleti è proseguita invece verso il Castello di San Giorgio . Dal 4° chilometro la salita è diventata molto impegnativa mediamente il 10 % , ma per alcuni tratti anche superiore . Quando è mancato poco al 5° chilometro il percorso ha sfiorato il Castello di San Giorgio , che con i suoi 1.200 anni è forse il più antico del Monferrato , distrutto e riedificato continuamente nel tempo a seguito degli eventi bellici . Malgrado la stanchezza , i podisti appassionati d’ arte che hanno volto lo sguardo verso il maniero hanno sorriso a causa delle sue facciate ricostruite una in stile neo gotico e una in stile barocco .La grande fatica ha avuto termine a circa 5,5 km , quando si è giunti al punto più alto del percorso . Da questo momento , grazie allo splendido sole che ha messo in fuga la foschia del primo mattino , le fatiche dei podisti sono state appagate dallo spettacolo della catena del Monte Rosa , dalle colline e dalla pianura attraversata dal fiume Po. Di fronte a tanta bellezza di colpo sono riecheggiate nella mente di molti atleti le parole della preghiera del podista “ ma concedimi di vivere ogni giorno l’ infinita bellezza di quanto ci circonda “ . Che gioia ha invaso il cuore nell’ osservare lo spettacolo offerto dalla natura e dall’ operosità dell’ uomo . Di colpo poi la mente ha ricordato tutti quei lavoratori ed abitanti di Casale Monferrato , a noi sconosciuti , morti prematuramente a causa della lavorazione dell’ amianto , persone che non potranno più godere delle bellezze della vita , persone uccise dal dio denaro , persone annientate da industriali che al posto del cuore hanno un portafoglio , persone uccise una seconda volta da una mancata giustizia ……. Da questo punto la strada ha iniziato a scendere verso la città , il ritmo si è fatto molto più veloce e al 10° km terminava l’ impegnativa prova per i podisti che avevano scelto la gara competitiva. Il giudizio sulla manifestazione è stato più che positivo : corsa bene organizzata , presidiata in ogni punto critico da vigili e volontari , ottimo ristoro e ricca premiazione. Il gruppo podistico G Cattaneo di Borgo Vercelli si è classificato primo . E’ stato quindi un ottimo esordio che dà la carica per proseguire con il massimo impegno.
Gabriele

Torna alle news